Come fare la colomba vegan

di Gianni Puglisi 1

Come fare la colomba vegan

Mancano davvero pochi giorni a Pasqua e, quindi, è arrivato il momento di concentrarsi sulle specialità culinarie di questa festa e magari sui dolci anche se, si sa, è il cioccolato a farla da padrone nel periodo di Pasqua. Uno dei dolci classici delle festività pasquali è la colomba, un dolce lievitato arricchito con mandorle o pezzetti di cedro candito. Anche se siete vegani non dovete rinunciare alla colomba, basterà preparare quella vegan; come? Naturalmente senza ingredienti di origine animale.

La colomba pasquale in versione vegan è perfetta per tutti coloro che non mangiano prodotti di origine animale, come il latte o le uova. Scopriamo, quindi, la ricetta della colomba rivisitata in chiave vegan, adatta anche a chi vuole gustarsi un dolce tipico  di Pasqua ma un po’ più leggero.

Colomba vegan, la ricetta

Ingredienti: 150 grammi di pasta madre, 600 g. di farina Manitoba, 150 grammi di malto di mais o di riso, 350 grammi di acqua tiepida, 120 g. di olio di girasole, 80 g. di zucchero di canna integrale, un cucchiaio di malto, vaniglina, un’arancia, un limone, 100 g. di canditi, 50 g. di mandorle tritate fini, 80 g. di mandorle in scaglie, un pizzico di sale.

Preparazione

Mescolate le due farine, e in una ciotola grande versate la metà della farina così ottenuta; nel centro unite il lievito madre spezzettato, aggiungete l’acqua tiepida nella quale avrete sciolto una presa di sale e impastate fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico. Coprite la ciotola con la pellicola e lasciate lievitare fino a far raddoppiare il volume.

In un’altra ciotola, intanto, grattugiate la scorza del limone e dell’arancia e mettetele da parte; poi spremete il succo di tutti e due gli agrumi, unite il malto di riso, lo zucchero, la vaniglina e l’olio e mescolate bene.

A questo punto riprendete l’impasto lievitato e lavoratelo ancora per qualche minuto, dopodiché aggiungete gli ingredienti liquidi, continuare a impastare e aggiungete la farina che vi era rimasta continuando ad amalgamare bene il tutto in modo da avere un impasto elastico; coprite di nuovo con la pellicola e fate lievitare per altre sei ore in un luogo tiepido.

Trascorso anche questo tempo di lievitazione, riprendete l’impasto e, con le mani unte di olio, lavoratelo per qualche minuto, aggiungete la scorza del limone e dell’arancia e i canditi e amalgamate; sistemate l’impasto in uno stampo a forma di colomba e lasciate lievitare ancora fino a quando sarà arrivato ai bordi dello stampo.

Frullate le mandorle tritate in modo da farle diventare una specie di farina, unite lo zucchero e il malto e continuate a frullare, poi distribuite il composto sulla colomba e, ancora, decorate con le mandorle in scaglie; lasciate lievitare ancora un po’ e poi preriscaldate il forno a 200° e fate cuocere per circa 15 minuti.

A questo punto coprite la superficie del dolce con della carta di alluminio per evitare che si bruci, abbassate il forno a 180° e cuocete per altri 25 minuti. Una volta che la colomba sarà cotta, lo potete controllare con il classico stecchino di legno, sfornatela e lasciatela raffreddare prima di servire.

Come per la colomba tradizionale è possibile rendere la colomba vegan un po’ più golosa, come? Semplicemente aggiungendo all’ultimo passaggio qualche scaglia di cioccolato oppure qualche pezzetto di frutta secca: come per i dolci dedicati agli “onnivori”, le varianti sono molte.

Infine, un’indicazione per lo stampo: nella ricetta suggeriamo di usare quello a forma di colomba ma se non ce l’avete potete usare benissimo un qualsiasi stampo per dolci, anche quelli classici dalla forma rotonda o, se siete dotati di buona manualità, potete sempre costuirvelo da soli modellando una semplice teglia di alluminio.

Photo Credit | Thinkstock

 

 


Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>