Come misurare la temperatura a un bambino

di Mariposa 0

Misurare la temperatura al bambino non è facilissimo, soprattutto se il cucciolo è molto piccolo. La prima cosa da fare è scegliere il termometro: ci sono in vetro senza mercurio (quelli con il mercurio non sono più in vendita), digitali, auricolari, frontali e le strisce con i cristalli liquidi.

Come misurare la temperatura a un bambino

Quelli in vetro vanno appoggiati nella zona inguinale, sotto l’ascella o inseriti nel retto e sono i più affidabili. Tenere però fermo un bambino con un termometro, alle volte, risulta un’operazione complessa. È il metodo più sicuro per avere un’idea reale della temperatura corporea. Se decidete di infilarlo nel sederino, considerate che la temperatura interna è sempre un pochino più alto: circa mezzo grado in più. Quanto tempo ci vuole? Dai 3 ai 5 minuti.

Sempre sotto l’ascella o all’inguine va appoggiato quello digitale, che è decisamente più rapido: di solito impiega circa un minuto. È invece istantaneo il termometro auricolare, ma è poco affidabile. Prima cosa c’è una differenza tra un orecchio e l’altro, parliamo sempre di una temperatura interna e poi bisogna attenzione che l’interno della cavità sia pulita e che il cerume non ostacoli i raggi infrarossi.

È istantaneo anche quello frontale perché basta appoggiarlo e capta subito la temperatura: attenzione perché alcuni sono sensibili all’ambiente (soprattutto se molto caldo o molto freddo). Infine, ci sono le strisce a cristalli liquidi che si appoggiano sulla fronte e agiscono immediatamente. Non sono molto affidabili. La temperatura va misurata sempre alla stessa ora e più volte al giorno (7, le 12, le 19 e le 22).

Photo Credit | Thinkstock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>