Come organizzare una vacanza da soli

di Gianni Puglisi 1

Come organizzare una vacanza da soli

Andare in vacanza da soli va molto di moda, prima di tutto perché sono sempre più numerosi i single o i single di ritorno e di conseguenza molte persone hanno bisogno di prendersi una pausa, senza condividere il momento con amici, partners o parenti. Superati i 30 diventa molto complesso organizzare vacanze in compagnia: la maggior parte è impegnato, magari le ferie non coincidono a causa del lavoro o ci sono di mezzo i figli. Ecco, l’unica cosa è farsi un po’ di coraggio e partire da soli. Come si fa?

Un viaggio da soli è un’esperienza bellissima, perché permette davvero di essere liberi di fare ciò che si vuole e poi non è assolutamente sinonimo di solitudine. Durante il percorso s’incontrano sempre persone interessanti, con esigenze simili e chissà mai che l’anno prossimo non abbiate già qualcuno con cui organizzare la vacanza.  Iniziate quindi scegliendo il pacchetto ideale:

  1. Soggiorno in villaggio o crociera, tutto organizzato e privo d’impegno.
  2. Soggiorno organizzato ma itinerante e spartano
  3. Vacanza itinerante fai da te
  4. Affitto di una casa
  5. Vacanza sportiva

Per chi detesta stare solo sicuramente il villaggio o una nave è la scelta migliore, per chi ama invece l’avventura e soprattutto non desidera le vacanze di massa può scegliere qualcosa di organizzato ma più di nicchia e selezionato. Gli avventurosi e i solitari hanno a disposizione la terza o la quarta modalità. Infine la vacanza sportiva può essere un percorso a tappe in bicicletta, un giro in barca a vela o un itinerario di trekking.

Prima di partire è importante, se andate all’estero, contattare la Farnesina (sul sito c’è un modulo per iscrivervi). Lasciate poi tutti i vostri recapiti a un amico o a un parente. Deve avere il numero di volo, le location delle prenotazioni e possibilmente un contatto in loco. Infine, dovete anche lasciare a qualcuno le vostre chiavi di casa. Non si sa mai. Potrebbe esserci una piccola perdita, un furto o una piantina cui dare da bere.

 

Photo Credit | ThinkStock

 


Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>