Come riconoscere le banconote false

di Gianni Puglisi 0

Come riconoscere le banconote false

La contraffazione delle banconote è una vera e propria piaga per la società moderna e i falsari sono diventati così abili che spesso a prima vista una banconota falsa difficilmente viene riconosciuta nel confronto con una vera. Ovviamente ad un attento esame le differenze ci sono eccome e non sono di poco conto, ma è comunque facile venire ingannati.

E allora andiamo a vedere quali sono i sistemi per distinguere una banconota falsa da una vera, in modo da non incorrere in spiacevoli inconvenienti, quali ad esempio l’essere costretti a presentare la banconota falsa allo sportello della propria banca, senza essere rimborsati.

Nel caso abbiate tra le mani una banconota sospetta, infatti, siete tenuti a portarla in banca o alle Poste per una verifica. Da qui poi la banconota viene spedita alla Banca d’Italia, mentre per voi ci sarà solo un pezzo di carta a titolo di ricevuta. Nel caso la banconota fosse vera, vi verrà corrisposto l’importo equivalente, mentre se la banconota è falsa non avrete diritto ad alcun rimborso.

Per evitare di ritrovarsi in situazioni simili, occorre aprire gli occhi in ogni occasione e controllare attentamente tutte le banconote che entrano in nostro possesso. I pezzi maggiormente interessati dalla falsificazione sono quelli da 20 e da 50 euro, ma è opportuno comunque controllarle tutte. Come?

La prima cosa da controllare è la carta. Se è troppo sottile o sciupata, tanto da non permettere la lettura dei caratteri impressi, pretendete che vi venga sostituita (nei resti dal tabaccaio, ad esempio, o quando ritirate un bonifico).

L’ologramma impresso sulla banconota deve presentare cambi di immagine a seconda del movimento. Un’immagine fissa sull’ologramma è indice di falsificazione. Attenzione anche agli ologrammi incollati (qualche falsario usa anche questo metodo) assicurandovi che la parte interessata non sia in rilievo.

Nelle banconote da 50, 100, 200 e 500 euro la cifra in basso a destra sul retro cambia colore a seconda del movimento, mentre in quelle da 20, 10 e 5 euro sul retro è presente una striscia centrale che muta colore.

Questi sono alcuni dei sistemi più utilizzati per riconoscere una banconota falsa. Non date tutto per scontato ed assicuratevi che ogni banconota che entra in vostro possesso sia autentica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>