Come disintossicarsi dopo le abbuffate di Ferragosto

di Mariposa 0

Le abbuffate di ferragosto sono un classico e di solito sono caratterizzate da grandi grigliate. Che cosa bisogna fare per disintossicarsi e soprattutto per dare un po’ di pace al nostro amato fegato? Tranquilli, per smaltire gli eccessi alimentari non occorrono né digiuni, né diete drastiche ma cibi leggeri e bere molta acqua.

Come disintossicarsi dopo le abbuffate di Ferragosto

È consigliabile mangiare molta frutta. Via libera a uva, ananas, ma anche kiwi, prugne e quanto abbiate piacere di mangiare. Le mele nuove, grazie alla prevalenza del potassio sul sodio, svolgono un’azione antidiarroica e regolano la colesterolemia. Possono quindi essere un valido alleato.

Ovviamente, non deve mai mancare la verdura. Tutta la verdura a foglie verde scuro (come gli spinaci e la cicoria) contiene acido folico, vitamina essenziale per la formazione dei globuli rossi del sangue e per la sua importante azione sul midollo osseo. Un’altra buona abitudine da abbracciare in questi giorni è quella di mangiare bei piatti di insalata: aggiungete sempre delle belle e buone carote (ricche come sono di vitamina A, giovano alla salute degli occhi e della pelle)-

Tutte le insalate e le verdure andrebbero condite con olio d’oliva. Quest’ultimo, infatti, è ricco di tocoferolo, un antiossoidante utile per favorire l’eliminazione delle scorie metaboliche (oltre che per l’azione anti-aging). Non bisogna trascurare i legumi (fagioli, ceci, piselli e lenticchie) perché contengono ferro e sono ricchi di fibre, utili per aiutare l’organismo a smaltire i sovraccarichi e migliorare le funzionalità intestinali. In più, essendo una notevole fonte di carboidrati a lento assorbimento, forniscono energia senza appesantirci. Ferragosto sarà un lontano ricordo.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>