Come preparare le uova strapazzate

di Valentina Cervelli Commenta

Come preparare le uova strapazzate? Nonostante questa ricetta sfrutti la naturale tendenza all’entropia dei degli elementi, per preparare questo piatto è necessario prestare attenzione a dosi e tempi di cottura.

Quella delle uova strapazzate è senza dubbio una preparazione perfetta per chi ha poco tempo o chi vuole preparare un brunch degno di questo nome. E lo ripetiamo, non è così semplice come sembra riuscire ad ottenere un piatto privo di difetti. La prima cosa da fare, e fondamentale secondo ogni chef, è rompere le uova all’interno di una ciotola e mai all’interno della padella e sbatterle in modo leggero, amalgamando tuorli ed albumi e condendo a piacere con sale e pepe. La padella nella quale andranno cotte deve essere antiaderente, già calda ed imburrata. Non si dovrebbe usare olio d’oliva se si ha intenzione di ottenere delle uova strapazzate davvero perfette e gustose.

Mescolare il composto con un cucchiaio di legno è più che accettabile, sebbene la maggior parte dei cuochi suggerisca semplicemente di muovere con decisione e spesso la padella così che le uova non si attacchino e provvedere a spegnere il fuoco appena le stesse iniziano a rapprendersi affinché risultino morbide e cremose. Ovviamente, per essere gustate al top, esse devono essere servite appena fatte e mangiate calde.

Il migliore accompagnamento? Del pane tostato se si vuole fare una colazione veloce, verdura e formaggi per un brunch o pranzo energetico ma leggero e del buon bacon croccante se si vuole provare l’ebrezza della classica colazione americana, un po’ unta ma decisamente gustosa.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>