Come tracciare i visitatori su Tumblr

di Valentina Cervelli Commenta

Come tracciare i visitatori su Tumblr? Basta qualche settimana passata sul sito di blogging per far comprendere ad ogni utente che inserire una stat all’interno del proprio blog personale potrà tornare utile immediatamente. Ma come regolarsi una volta che si decide di farlo?

La prima cosa importante da capire è che Tumblr è una piattaforma particolare e che come tale ha le sue esigenze. Lavorare sul suo html non è difficile, ma non è neanche semplice se si sceglie di utilizzare un template complicato che richiede di fare molta attenzione: qualsiasi servizio di statistiche venga scelto il suo codice deve essere inserito con attenzione per non rovinarne l’aspetto. Di solito per non sbagliare, anche e soprattutto per i neofiti, è bene porlo poco prima della fine del codice dell’intero template, prima del </div> che si riscontra in questo tipo di strutture.

Statcounter la migliore

Partendo dal presupposto che un servizio perfetto non esiste per tenere traccia dei propri visitatori sono due le stat più valide per un sito come Tumblr: Clicky e Statcounter. Sebbene quest’ultima sia di gran lunga quella più completa al momento, soprattutto se si ha un forte flusso di traffico o si pensa di avere delle visite illecite al proprio blog è consigliabile utilizzarle insieme per verificarne i dati raccolti. Piccolo appunto: quasi tutte le stat hanno difficoltà a tracciare le visite provenienti dall’app di Tumblr. Per questo motivo non si deve rimanere stupiti se i codici per determinati tipi di visite sembrino non funzionare in modo adeguato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>