Come aprire un negozio di fiori

di Gioia Bò 2

Avete la passione per il giardinaggio e vi piacerebbe trasformarla in una lavoro remunerativo? E allora cominciate a valutare l’idea di aprire un negozio di fiori, un’attività che può rendere molto sia dal punto di vista della soddisfazione che sotto il profilo del guadagno.

Aprire un negozio di fiori di per sé non è un’impresa ardua, a patto che ci si lasci guidare dalla passione, dalla furbizia e  da un pizzico di fortuna che non guasta mai nella vita. Per il resto, i permessi da richiedere e le procedure da seguire sono davvero limitati, tanto che ritrovarsi dietro un bancone da fiorista è piuttosto semplice. E allora scopriamo insieme come aprire un negozio di fiori.

Come aprire un negozio di fiori

Per aprire un negozio di fiori non è richiesta alcuna conoscenza particolare né tantomeno la frequenza di una scuola specifica. E’ chiaro però che la sola passione non può bastare a colmare determinate lacune e sarebbe comunque opportuno frequentare dei corsi di floricoltura, che insegnino almeno a riconoscere una rosa da una camelia, tanto per fare un esempio.

Ammesso che siate ferrati in materia, potrebbe occorrervi qualche nozione sul confezionamento di vasi e bouquet, poiché proprio questi ultimi diventeranno il vostro biglietto da visita per costruire il futuro.

Quanto ai permessi per aprire un negozio di fiori, occorre rivolgersi al comune di appartenenza e notificare l’inizio dell’attività, iscriversi alla Camera di Commercio ed all’INPS ed aprire una Partita IVA.

Una volta entrati in possesso di tutti i documenti richiesti per l’apertura di un negozio di fiori, è opportuno fare un giro dei fornitori della zona, in modo da poter valutare personalmente il rapporto qualità-prezzo. In questo senso, spesso sono i vivai i migliori fornitori, poiché possono garantire una vasta scelta a prezzi non eccessivi.

Puntate sempre sulla qualità dei prodotti e fate in modo che i vostri clienti possano trovare sempre delle alternative al solito mazzo di rose o alla comune pianta da appartamento. Il tutto, però, senza esagerare, considerando che i fiori (e le piante in generale, non hanno una durata eterna e potreste ritrovarvi sommersi di merce difficile da smaltire e da conservare.


Commenti (2)

  1. Viene sempre tralasciato un aspetto fondamentale, ovvero quello relativo all’arredamento del negozio e i consigli giusti per creare business: dove acquistare, in che modo coordinale i bancali o gli espositori o i vasi..per quanto mi riguarda non è un problema da poco..la strategia che sta dietro all’arredamento è molto importante.
    Per il mio negozio di fiori mi sono fatto aiutare dai tecnici dell’azienda Orlandelli che, oltre a mettermi a disposizione tutte le attrezzature necessarie, mi hanno anche fornito un’importante consulenza in merito.

  2. Avete sentito parlare di un posto chiamato Perù? Avete sentito parlare di Machu Picchu è una delle sette meraviglie del mondo? Beh io ho una visione che vorrei condividere con voi come trasformare un business che vende fiori in una che vende esperienze, emozioni e momenti speciali.
    Una visione su un piccolo franchise globale che offre il meglio di entrambi i continenti, questa visione non è un prodotto di scambio commerciale, questa visione è sulla condivisione di culture. Se siete interessati a saperne di più di questa idea consultazioni con me alla mia mail: [email protected] e spiegare più di questa visione.
    PS Scusate per il mio italiano non è così buono, ma sono sicuro che si può veramente capire.
    Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>