Come creare il pesto con il mortaio

di Valentina Cervelli 0

Come creare pesto con il mortaio? Si tratta senza dubbio di una ricetta molto importante del panorama culinario italiano che spesso viene rivisitata seconda del gusto personale lasciando interdetti coloro che per tradizione seguono ricette di decennale se non centenaria memoria.

Come creare il pesto con il mortaio

Utilizzare il mortaio per un migliore risultato

Per fare un pesto in modo corretto, in una versione accettabile in tutta Italia, il segreto è quello di acquistare alimenti freschi e se possibile di provenienza biologica.

Ingredienti:

  • 25 g di basilico in foglie
  • 50 ml di olio extravergine d’oliva
  • 35 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • 15 g di pecorino da grattugiare
  • 8 grammi di pinoli
  • mezzo spicchio di aglio
  • sale grosso

La scelta del basilico è importante, si deve evitare la varietà di basilico meridionale perché le foglie ben sviluppate tendono ad avere un sapore simile a quello della menta. Una volta pulite le foglie si può prendere il mortaio e pestare insieme sale grosso e aglio fino a che tutto non diventa una crema. Alla stessa devono essere aggiunte le foglie di basilico aggiungendo un alto pizzico di sale per preservare il colore acceso. Nel momento in cui, pestando il tutto non si otterrà un liquido verde prodotto dal basilico pestato che dovrà essere trasformato in crema aggiungendo e pestando i pinoli. Una volta completata anche questa parte del lavoro si potranno aggiungere, un poco alla volta, sia il pecorino che il parmigiano reggiano. A composto finito arriva il momento di aggiungere l’olio extravergine di oliva, che dovrà essere versato a filo, senza mai smettere di mescolare. Quando tutti gli ingredienti si saranno amalgamati per bene la preparazione potrà essere considerata finita.

Conservazione pesto e scelta della pasta

Come creare il pesto con il mortaio

Una volta che è finita la preparazione del pesto con il mortaio bisogna pensare alla sua conservazione. Eseguirla in maniera corretta diventa fondamentale per far si che non si creino muffe o che il valore organolettico si disperda: motivo per il quale è consigliato utilizzare un contenitore ermetico ricoperto rigorosamente da uno strato di olio. E’ possibile anche conservare il pesto nei vasetti da riporre all’interno del congelatore.

Un consiglio per ciò che concerne la scelta della pasta da fare al pesto: di base questo condimento si adatta a qualsiasi tipologia, ma le linguine e le trofie sono senza dubbio la scelta di elezione. Detto ciò, non preoccupatevi se ogni tanto utilizzate dei robot da cucina o comprate il pesto direttamente al supermercato: non succede nulla di male, ma almeno una volta, provate a prendere il mortaio.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>