Come eliminare le alghe dalla piscina

di Valentina Cervelli 0

Come eliminare le alghe dalla piscina? Uno degli interventi di manutenzione delle vasche all’aperto che più si rendono necessari è proprio la pulizia della stessa dalle forme di vita vegetali che possono formarsi: vediamo insieme come regolarci.

Come eliminare le alghe dalla piscina

Saper riconoscere il tipo di alga

Eseguire una corretta manutenzione della piscina consente non solo di poter contare sempre su un’acqua pulita e piacevole in cui tuffarsi, ma collabora alla lunga durata della vasca dal punto di vista tecnico.  Esiste del personale specializzato per la pulizia delle piscine, ma se si vuole risparmiare e imparare a prendersi cura della propria casa, l’eliminazione delle alghe può essere un atto di fai da te importante da conoscere ed eseguire.

Il primo consiglio è quello di verificare con attenzione a quale tipologia appartengano le alghe rilevate nella propria piscina. Quelle più fastidiose sono senza dubbio quelle nere e senape: la motivazione consta nel fatto che sono quelle che è più difficile rimuovere per via dell’insistenza con la quale si attaccano alle pareti della piscina.

Per combatterle efficacemente è importante verificare per prima cosa il PH: quello migliore per una piscina si aggira tra i 7,6 e i 7,2. Se il PH non si trova in questo intervallo il cloro non riesce a funzionare in maniera adeguata.

Come eliminare le alghe

Come eliminare le alghe dalla piscina

A ogni modo, per eliminare le alghe nere e senape dalla piscina è importante spazzolare a fondo le pareti e il pavimento della stessa, rimuovendone il più possibile manualmente. Dopodiché bisogna eseguire un trattamento a base di cloro, abbondando nelle quantità e facendolo agire qualche ora: sui flaconi vi sono riprodotte spesso le dosi consigliati. Una volta ripulito il tutto bisogna disciogliere nell’acqua un alghicida a base di rame e applicarlo.

Sarebbe bene ripetere le operazioni sulle pareti della piscina per almeno una settimana, pulendo a fondo il filtro.

Al contrario eliminare le alghe verdi è più facile: i trattamenti da eseguire sono di minore intensità rispetto a quelli precedentemente elencati. Anche in questo caso bisogna verificare il livello di PH in modo tale da regolarsi per ciò che concerne l’uso del cloro: se la densità è bassa anche la quantità di cloro da utilizzare sarà limitata. Per ciò che concerne l’alghicida, in questo caso va bene anche quello all’ammoniaca, soprattutto se l’infestazione non è eccessiva.

Basta far agire i prodotti mezza giornata per poi spazzolare e pulire il filtro. Una accurata disinfestazione di tutti gli accessori e dei costumi dovrebbe bastare a tenere sotto controllo una nuova potenziale proliferazione di alghe verdi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>