Come fare un tatuaggio permanente

di Mariposa 0

Come fare un tatuaggio permanente

Per fare un tatuaggio ci vuole soprattutto tanta convinzione. Non potete decidere per un disegno definitivo solo perché andrà di moda, toglierlo è molto complicato, e poi è un “vezzo” costoso, soprattutto se avete scelto di affidarvi a tatuatori bravi ed esperti. Considerate che anche i tatuatori più esperti non possono tatuarsi da soli, prima di tutto perché seguire il disegno con precisione ovunque è impossibile e poi c’è anche una componente fisica,  il dolore, che può essere d’ostacolo.

Quali sono gli step precendenti al tatuaggio?

  • Scegliere il disegno e la parte del corpo su cui si desidera realizzarlo.
  • Il tatuatore vi spiegherà come lavorerà: in modalità open, davanti a tutti, o privata e quali saranno i passi di realizzazione del soggetto.
  • Dovrete fornire il vostro documento e i dati (dovete essere maggiorenni), concorderete il prezzo e la modalità di pagamento.

Ora sapete tutto e si può incominciare a lavorare. Prima di tutto sarete accomodati su un lettino, per certi versi simile a quelli del dentista, e poi verrà disinfettata la zona con dell’alcol o prodotti igienici appositi. Se l’area è pelosa, dovrà essere completamente rasata con un rasoio nuovo e usa & getta. A questo punto la zona sarà pulita nuovamente (brucia un po’ ma è sopportabile).

Il transfer design, ovvero una sorta di calcomania con la traccia del disegno, sarà applicato sul corpo e verrà coperto di vaselina, per favorire il lavoro dell’ago.  Il tatuatore deve prima definire le line del disegno, poi andrà a lavorare nei dettagli, con i colori e le sfumature. Fa male! È un dato di fatto e il dolore, ovviamente, dipende dalla zona. Ci punti in cui non si sente assolutamente nulla. È importante stare fermi e lasciare che il tatuatore lavori con calma.

Il disegno è terminato? Benissimo. Deve essere pulito e curato per qualche giorno. Vi sarà consigliata una pomata che dovrà essere applicata quotidianamente per evitare le infezioni. Inoltre, dovrà essere bendato e tenuto coperto. Sarà però il vostro tatuatore a darvi i tempi a seconda del disegno.

Photo Credit| ThinkStock

[Fonte]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>