Come fare il lavaggio nasale

di Gianni Puglisi 0

Come fare il lavaggio nasale

Il lavaggio nasale è un trattamento che intimidisce il neogenitore, oltre a risultare abbastanza complicato quando il bebè non sta fermo. Una piccola premessa: non fa male, semmai è solo un po’ fastidioso. Ricordiamo poi che il lavaggio è molto importante per il benessere del piccolo, anche se può non sembrare. Per quale motivo? Perché elimina o previene la colonizzazione virale e batterica nasofaringea, causa principale delle infezioni respiratorie.

Come si fa il lavaggio nasale? Se il bambino è piccolino, usate le fialette di fisiologica da 5ml e spruzzatela direttamente nel naso. Le prime settimane bastano poche gocce, il quantitativo sufficiente per indurre il neonato a starnutire. Et voilà, il nasino sarà pulito. Nel corso dei mesi, sarà poi necessario spremere tutta la fiala o aiutarsi con una siringa.

Riempite la siringa di fisiologica, poi togliete l’ago. L’obiettivo deve essere quello di far entrare l’acqua da una narice per farla uscire dall’altra. La fisiologica non deve essere ingoiata. Attenzione, dovesse finire in gola non succede nulla, ma premuratevi di aiutare il bimbo: il liquido potrebbe andare di traverso.

Fate flettere la testa del bambino in avanti e fatela ruotare da un lato. Se il bimbo è piccolo potete tenerlo in braccio o appoggiarlo su un fianco sul fasciatoio (fatevi aiutare per tenergli ferma la testa). A questo punto posizionare la siringa all’ingresso della narice superiore e svuotare la siringa: l’acqua dovrebbe uscire dalla narice inferiore. Ora ripetere l’operazione dall’altro lato e ovviamente girando la testa del piccolo dalla parte opposta. Se il bambino è grandicello, dopo il lavaggio, invitatelo a soffiare il naso. Dovrebbero uscire le secrezioni.

Dovesse non uscire nulla, è la dimostrazione che il nasino è pulito. Fatelo lo stesso. Ideale è tutte le sere dopo il bagnetto. Se il piccolo è un po’ intasato potete anche ripetere l’operazione più volte al giorno. In questo modo, dovreste non aver bisogno dell’aspiratore nasale, che è decisamente più fastidioso.

Non perdete:

Photo Credit | ThinkStock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>