Come lavorare bene al pc d’estate

di Valentina Cervelli Commenta

Come lavorare bene al pc d’estate? Non è una domanda stupida da porsi come qualsiasi professionista al lavoro su un terminale tutto l’anno può assicurare: con l’aumento delle temperature per riuscire a mantenere il proprio livello di produttività c’è bisogno di qualche accorgimento.

PC caldo

Per lavorare bene al pc d’estate c’è bisogno prima di tutto di una postazione adeguatamente comoda: è consigliato cercare di mantenerla sempre pulita ad ogni costo in modo di non imbattersi in carte o accessori che possano limitare o disturbare i movimenti rendendo insofferente il lavoratore. Questo accorgimento è necessario anche per mantenere libere le pale delle ventole interne al fine di non far surriscaldare troppo la struttura del computer.

La seduta deve essere comoda e lo spazio arieggiato a tal punto da far si che il calore prodotto non aggiunga “malessere alla persona”. La freschezza della posizione è basilare per far modo che chi lavora al pc d’estate possa trovarsi bene. Se ci si trova in un ambiente nel quale si può sfruttare l’aria condizionata il consiglio è quello di non esagerare con la bassa temperatura ma di selezionare il giusto per non sentire caldo senza trasformare la stanza in un igloo.

Se invece non si può contare su questo tipo di supporto bisogna affidarsi ai ventilatori e per mantenersi idratati all’acqua fresca: non abbiate timore di bere per rinfrescarvi. Spesso si raggiungono le condizioni ideali favorendo un approccio multiplo. Se ne avete la possibilità quindi aggiungete agli espedienti da usare per migliore le condizioni di lavoro anche una pausa a base di frutta fresca, perfetta per recuperare frescura ed energia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>