Come organizzare una gita last minute

di Valentina Cervelli 0

Come organizzare una gita last minute? Non importa quale sia il periodo scelto per la propria “fuga” dalla quotidianità: decidere all’ultimo di partire non è poi così complicato come possa sembrare.

Come organizzare una gita last minute

Destinazioni di una gita last minute

Quando si vuole organizzare una gita last minute la destinazione è forse la scelta più importante da fare. A seconda del tempo che si vuole impiegare fuori casa calcolare bene le distanze e scegliere un posto alla mano e facilmente raggiungibile diventa basilare. Con il termine gita si intende un  viaggio che tra andata e ritorno occupa solo un giorno: in base a tale assunto è necessario comprendere quale sia il posto più facilmente raggiungibile con i mezzi di trasporto che si hanno a disposizione e regolarsi di conseguenza. Grazie ai vettori aerei low cost ora è possibile pianificare last minute anche una visita nelle maggiori capitali europee e del nostro continente, a patto che si abbia pronta la giusta documentazione: in questo modo le limitazioni sono davvero pochissime per ciò che riguarda le destinazioni. Basta avere una certa idea, verificare le ore di volo necessarie e prenotare il proprio posto.

Anche per ciò che riguarda le destinazioni italiane non si deve escludere lo spostamento aereo: spesso consente di risparmiare più tempo rispetto ad un viaggio in treno o in auto.

Cosa preparare per una gita last minute

Come organizzare una gita last minute

Il bello (ed il brutto) di una gita last minute è proprio il fatto che sia organizzata all’ultimo momento.  Non è un controsenso, ma una constatazione di fatto: questo perché alcune destinazioni potrebbero essere fuori portata, alcuni collegamenti non sfruttabili. La soddisfazione di partire è però immensa, tanto quanto la gioia di passare una giornata diversa dal solito nella quale rilassarsi e divertirsi. La prima cosa da fare è quella di preparare il proprio “bagaglio”: il consiglio è quello di puntare su uno zaino o una borsa capiente a seconda della tipologia di “impegni” che si vogliono affrontare. Essi devono essere facili da trasportare e non risultare ingombranti per i movimenti ma contenere al proprio interno la possibilità di inserire eventuali souvenir, pranzo al sacco e bottiglie d’acqua. Devono poter essere gestiti come bagaglio a mano in aereo e non affaticare.

Per ciò che concerne il vestiario è bene regolarsi con le temperature della giornata avendo cura di trovare spazio, per ogni evenienza, per un piccolo ombrello portatile. Dopodiché non bisogna pensare ad altro che divertirsi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>