Come prendere appunti a lezione

di Gianni Puglisi 0

Come prendere appunti a lezione

L’anno scolastico degli istituti superiori è iniziato in tutte le Regioni italiane e breve riprenderà anche l’anno accademico delle università; con la ripresa delle lezioni è essenziale seguire i corsi e prendere appunti delle varie spiegazioni dei professori. Prendere appunti sembra un’operazione semplice e poco impegnativa, ma in realtà è alquanto complessa, perché nello stesso momento bisogna effettuare tre operazioni essenziali: ascoltare e capire quello che viene spiegato, scegliere le informazioni più importanti e scrivere velocemente con le proprie parole.

Anche se è un’operazione faticosa, perché è necessario scrivere velocemente, prendere appunti è molto importante per diversi motivi: innanzi tutto perché il dover scrivere quello che dice il professore “costringe” ad ascoltarlo e quindi a non distrarsi durante la lezione, perché gli appunti permettono di risalire all’argomento trattato nella sua globalità e, cosa più importante, sono il primo momento di studio della materia in questione.

Niente stratagemmi o furbizie come, ad esempio, limitarsi ad ascoltare la lezione e poi prendere gli appunti da un collega di corso: gli appunti sono personali, se copiate quelli di un altro presi con un criterio, grafia e abbreviazioni diverse dalle vostre, potreste non capirci niente al momento dello studio.

La prima cosa da fare prima dell’inizio della lezione è quella di annotare giorno e materia in cima alla pagina, in modo da poter risalire facilmente all’argomento e al momento di spiegazione. Una buona norma per gli appunti è quella di prenderli su un quaderno di “brutta” nel quale potrete effettuare cancellature, inserire note e asterischi oppure usare abbreviazioni per velocizzare la scrittura.

Non scrivete proprio tutto quello che dice il professore: nell’ansia di riportare ogni cosa potreste rimanere indietro o rischiare di perdere un concetto veramente importante. Una volta finita la lezione trascrivete nel quaderno di “bella” gli appunti che avete preso; non fate passare troppo tempo tra la lezione e la revisione degli appunti, perché potreste non essere più in grado di rielaborarli correttamente.

Mentre potete usare un unico quaderno di “brutta”, tenete diversi quaderni di “bella”: uno per ogni materia o argomento. Nel riportare gli appunti correggete le frasi e gli errori dovuti dalla velocità di scrittura, togliete le sigle e assicuratevi che i concetti siano collegati chiaramente; infine, confrontate gli appunti con il libro di testo per assicurarvi la loro correttezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>