Come evitare errori nella raccolta differenziata

di Valentina Cervelli Commenta

Come evitare errori nella raccolta differenziata? E’ importante comprendere, per prima cosa, che il sistema adottato  per la gestione della spazzatura, spesso cambia da comune a comune e che quindi bisogna regolarsi in base alle norme che vengono stabilite.

Detto ciò, in caso l’Ente non fornisca i recipienti giusti al cittadino, è necessario che lo stesso selezioni con cura i secchi al fine di provvedere ad una corretta divisione dei beni corrotti. Il mercato, va sottolineato, offre moltissime opzioni, dalle più semplice alle più astruse passando per dei veri e propri bidoni di design: a prescindere dal proprio gusto estetico personale bisogna accertarsi di scegliere un contenitore abbastanza grande da poter contenere senza eccessivi problemi plastica, carta, umido, vetro ed indifferenziata dividendoli in modo netto.

A livello pratico può rivelarsi utile comprendere anche quali sono quelle eccezioni che invece di essere gettate nel contenitore teoricamente corrispondente devono essere gestite in modo differente. Prendiamo i bicchieri di vetro. E’ importante accertarsi che non contengano piombo: in quel caso infatti dovranno essere gettati nell’indifferenziata invece che nel contenitore “dedicato”.  Allo stesso modo bisogna comportarsi con i recipienti di pyrex: per quanto sembrino vetro non lo sono e come tali devono essere gestiti.

Lo stesso vale per ceramica e specchi rotti: fanno parte di quel materiale che pur sembrando vetro non possono essere riciclati come tali e quindi necessitano di uno smaltimento di tipo differente. Un altro esempio valido? Gli scontrini: essendo composti di carta chimica non andrebbero gettati nella carta ma all’interno dell’indifferenziata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>