Come lavare i piatti in modo corretto

di Valentina Cervelli Commenta

Come lavare i piatti in modo corretto? A seconda della tipologia di azione scelta ovviamente la persona sarà coinvolta in modo più o meno evidente. Ma a mano o in lavastoviglie, vi sono degli errori da non fare nel momento in cui si approccia questa azione.

lavare piatti

La prima cosa da fare è utilizzare un recipiente, un lavandino o una lavastoviglie pulita. Lo sporco che si accumula rischia di rendere involontariamente più sporchi i piatti portando ad una coltura di germi che potrebbe rivelarsi pericolosa per la propria salute. Per evitare ciò è necessario ripulire per bene in ogni caso dopo l’avvenuto lavaggio. Per il lavandino sarà necessario usare specifici prodotti o del bicarbonato ed aceto, per ciò che concerne la lavastoviglie si possono usare detergenti specifici da utilizzare nel corso di un lavaggio a vuoto.

E’ importante anche non utilizzare molto sapone: la quantità deve essere giusta al fine di igienizzare ma senza inquinare l’ambiente o rendendo difficile (per assurdo) la rimozione dei residui di cibo. Bastano, quando si lavano i piatti a mano, utilizzare dell’acqua calda e del sapone per piatti. Tale attenzione si traduce, utilizzando la lavastoviglie, nell’eliminazione dei residui dai piatti.  Anche la spugna deve essere ben curata e lasciata il più possibile pulita prima del riutilizzo. Un’asciugatura completa ed eseguita con uno straccio asciutto e pulito favorirà la completa igienizzazione delle stoviglie. Insomma, per lavare i piatti in modo corretto basta fare semplicemente un po’ di attenzione ed utilizzare gli strumenti giusti che non rovinino le superfici lavate.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>