Come scegliere i fiori per San Valentino

di Gianni Puglisi 0

Come scegliere i fiori per San Valentino

San Valentino è dietro l’angolo e se avete voglia di organizzare qualcosa di speciale vi conviene darvi da fare. Mentre progettate se fare un weekend romantico in una capitale europea o una cena in un ristorantino particolare, noi vi diamo qualche indicazione sulla scelta dei fiori.

Quasi il 40 percento delle persone che festeggia il giorno degli innamorati manderà un bouquet all’amata (vi abbiamo spiegato ieri come fare), ma sono in pochi che rifletteranno sul linguaggio. I più tradizionalisti si affideranno alle classiche rose rosse. Attenzione però perché non tutte le rose parlano di passione. Vediamo quindi quali fiori scegliere in questo momento d’amore per fare una bella figura.

Le Rose

Sono il fiore per eccellenza, simbolo di bellezza, ma anche di forza. Si dice, infatti, che ogni cosa bella ha le sue spine, proprio come le rose. Le rose sono da sempre utilizzate per cantare l’amore, ma a seconda del colore cambiano significato. Abbiamo quella rossa che simboleggia l’amore passionale, quella bianca e quella rosa la purezza, e infine quella gialla la gelosia. Attenzione quindi a non sbagliare. La più indicata per San Valentino è quella gialla screziata di rosso che indica l’amore eterno.

I Tulipani

Non a tutti piacciono, perché sono un fiore molto semplice ed anche indicatissimo per San Valentino. Il tulipano rosso è molto romantico e simboleggia l’amore perfetto. Una leggenda turca narra che provenga dall’affetto profondo di due amanti, che si uccisero per non essere divisi da una sorte avversa (un po’ come Romeo e Giulietta). Dal sangue di lui, nacquero questi fiori. Potreste anche regalare un sacchettino di bulbi, che durano più a lungo.

La Camelia

Il fiore della Camelia in Italia non è molto usato per fare delle composizioni, ma in Cina e in Giappone è davvero amatissimo. Sicuramente si presta benissimo per corteggiare una donna. Consiglio la Camelia se state ancora cercando di conquistare la vostra amata: intanto perché vi distinguerete dalle solite rose e poi perché significa bellezza perfetta e superiorità. Direi che è una fantastica dichiarazione e tra l’altro non ci si sbilancia troppo.

La Margherita

“M’ama o non m’ama?”. Da sempre la margherita risponde agli animi degli innamorati. È un fiore semplice e modesto, ma molto positivo. Rappresenta la modestia e la purezza, ma anche l’amore fedele.  E non è poco. È vero che un fiore non può dare la sicurezza di una relazione stabile, ma una dichiarazione così farebbe piacere a qualunque donna. In passato, regalare un mazzo di margherite a una fanciulla stava proprio a indicare un impegno per il futuro.

La Petunia

Questo fiore si presta benissimo per quegli amori che vogliono essere vissuti alla luce del giorno. Se state vivendo una relazione clandestina o semplicemente frequentate di nascosto una persona, perché lei tiene alla discrezione in modo maniacale o ha paure delle conseguenze, regalate le petunie. È il simbolo dell’amore manifesto, di quel sentimento – così forte – che non riesce a nascondersi. Potrebbe essere un modo per invitare il partner a credere di più nella vostra storia.

La calla

Come scegliere i fiori per San Valentino

È la calla è davvero un fiore molto bello ed elegante, adatto una donna e non a una ragazzina. Regalando un bouquet di questo tipo si vuole indicare alla signora di essere ammirati e colpiti dal suo fascino, sia estetico sia interiore. Insomma, è un modo per dire: “Quanto sei bella, mi piaci”. Un uomo con tanta delicatezza e astuzia non bisogna lasciarselo scappare.

Il Garofano

Proprio come la rosa, cambia significato in base al colore. Fate bene quindi attenzione al messaggio che state cercando di mandare: il garofano rosso, qualcuno sostiene che sia nato dalle lacrime della Madonna, indica la passione, quello bianco la fedeltà eterna. Poi c’è quello screziato (bianco orlato di rosso) che rappresenta un semplice “Ti penso”, quello giallo invece indica l’incertezza dei sentimenti e, infine, quello rosa vuol dire “Ti voglio bene”.

Photo Credits| ThinkStock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>