Come decorare un paio di vecchi jeans

di Mariposa 0

Come decorare un paio di vecchi jeans

Rimettere a nuovo un paio di jeans è un’esperienza fantastica, soprattutto se siete molto affezionati a quel modello, che per anni è stato il vostro compagno di avventura e di viaggi. I jeans sono indistruttibili, ma un po’ come tutti i capi di abbigliamento possono avere qualche piccolo problema, come uno strappo che con il tempo si è allargato troppo, un coloro decisamente troppo sbiadito o una tonalità che vi ha un po’ stufato.

Come fare? Ovviamente ci sono diversi interventi che si possono fare. Potete tranquillamente trasformare i vostri jeans in una borsetta, come vi abbiamo fatto vedere qualche tempo fa o pensare a un rinnovamento, tingendoli, aggiungendo del pizzo, delle perline o schiarendoli ulteriormente. Seguiteci per approfondire tutte e quattro le tecniche e poi procedete. I vostri pantaloni saranno come nuovi o potrete tranquillamente sostenere di averli comprati in una boutique griffata o di abiti vintage.

Decorare con il pizzo

Il pizzo è di grande ritorno e lo stile anni Ottanta anche durante quest’inverno sarà sicuramente molto di moda. Avete voglia di un paio di pantaloni rock, in stile Madonna. Acquistate del pizzo nero o bianco. Non c’è bisogno che sia di particolare qualità, sarà sufficiente della stoffa lavorata a macchina. Il pizzo è molto carino come sfondo degli strappi o sovrapposto alle tasche, posteriori. Per metterlo all’interno del jeans potete usare del nastro adesivo per abiti. Con il calore del ferro si attaccherà perfettamente. Fermatelo poi con un paio di punti. Più complessa l’operazione sulle tasche. In questo caso avete bisogno della macchina per cucire o almeno di un ago per la pelle (quello grossi). Se volete fare un lavoro ben finito usate un filo trasparente, affinché non si veda nulla. Infine, un ultimo consiglio. Esiste anche il nastro pizzo, che si acquista tranquillamente in merceria e non ha bisogno di essere cucito. Un’idea questa per rifinire le tasche davanti.

Decorare il jeans con perline

Il jeans semplice vi ha stufato. Il denim non passa mai di moda, ma è sempre uguale a se stesso. Un modo facile per renderlo unico e divertente è applicare delle paillettes. Le tasche di solito sono il punto migliore, perché hanno già una forma ben definita e tra l’altro permettono un margine d’errore. Come fare? Semplicemente prendere un gessetto e tracciate un disegno nella zona interessata. Tenete conto che deve essere una cosa piccola. Si tratta di un pantalone, non è un costume di scena. Sono belli per esempio dei piccoli raggi che partono dalle tasche davanti e che potete tranquillamente ricoprire anche con perline o bottoni. Ci sono poi di cristalli che si applicano con la colla a caldo, apposta per i vestiti. Liberate la vostra fantasia.

Decolorare o colorare il jeans

Il vostro denim è blu scuro o nero e questo colore non vuole assolutamente cedere. Esistono due scuole di pensiero, quelli che il jeans lo amano con un effetto vissuto e quelli che invece lo trattano come un pantalone qualsiasi (e magari fanno anche la piega). Bene se fate parte della prima scuola, allora è tempo di decolorarlo. Come si fa? Semplice. Acquistate della candeggina e immergetelo in acqua tiepida con un po’ di questo prodotto. L’ideale è lavorare per gradi. Intanto per la candeggina tende a rovinare i tessuti e poi perché è bene verificare la tonalità. Potete anche cercare con una spugna di scolorire solo le zone che vi interessano. Quali? Le ginocchia e per esempio sotto i glutei e davanti, intorno alle tasche.  Se, invece, siete della scuola del jeans immacolato e avete un modello che amate molto, ma il colore non fa più per voi, potete tingerlo. Nei supermercati troverete sicuramente dei colori per tessuti, prendete quelli appositi e fate quest’operazione usando la lavatrice. Vi avviso, ci vorranno più lavaggi, perché il jeans è un tessuto un po’ duro.

 

Photo Credit| ThinkStock

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>