Come far passare il singhiozzo

di Valentina Cervelli 0

Come far passare il singhiozzo? Quest’ultimo è una tra le “reazioni” del corpo umano più fastidiose da sperimentare. Originato da diverse cause può essere combattuto attraverso alcuni semplici trucchi di validità quasi sempre comprovata.

Come far passare il singhiozzo

 

Il singhiozzo è causato dalle ripetute contrazioni involontarie del diaframma causate da una irritazione del nervo frenico adibito al suo controllo. Questo può accadere a causa di pasti consumati troppo velocemente o troppo abbondanti, a causa di sbalzi di temperatura improvvisi, bevande gassate o alcoliche o addirittura per eccitazione e stress. Se il singhiozzo supera le 48 ore di durata è bene rivolgersi ad un medico: potrebbero esservi delle patologie gravi alla base.

Rimedi contro il singhiozzo

Come fare quindi per far passare il singhiozzo? Secondo Ippocrate bastava trattenere il fiato e restare in apnea per 10-25 secondi. Spesso tale approccio funziona. Ma allo stesso tempo si possono usare metodologie meno drastiche. Una di gran successo popolare di mettere un cucchiaino di zucchero sulla parte posteriore della lingua, o  mangiare un cucchiaino di miele o del cacao in polvere. Succhiare uno spicchio di limone o ingerire un cucchiaino di aceto vengono considerati ancora metodi efficaci. O ancora fare dei gargarismi con l’acqua per riportare la glottide ad un normale funzionamento.

Se si voglio approcciare direttamente i nervi coinvolti si possono alzare le braccia per distendere il diaframma o infilarsi le dita nelle orecchie per lavorare su una delle terminazioni più periferiche del nervo vago. C’è chi pensa che l’automatica contrazione del diaframma che si ottiene quando ci si spaventa improvvisamente possa egualmente essere utile.

Photo Credit | Thinkstock


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>