Come fare il dog sitter

di Gianni Puglisi 0

Come fare il dog sitter

Ami i cani? Se non hai un lavoro stabile puoi occuparti di loro guadagnando qualche euro. Può essere una buona idea persino avviare la propria attività facendo il dog sitter, cioè colui che si occupa dei cani di altre persone, li porta in giro per la passeggiata o se ne occupa in assenza del padrone.

Si tratta di un’attività relativamente semplice che non richiede ingenti capitali: infatti, si potrebbe iniziare questa attività con poche decine di euro. Se vivete in un quartiere residenziale, magari con famiglie che lavorano e non si possono occupare dei propri amici a quattro zampe, non c’è bisogno nemmeno di affrontare spese per gli spostamenti in quanto potete muovervi a piedi. Vediamo dunque come fare il dog sitter.

Preparazione

Prima di tutto, dovete chiedervi se questa attività fa per voi. Nonostante non sia richiesta una formazione specifica, è meglio sapere come gestire correttamente i cani (anche quelli grandi, a meno che non si prevede di limitare i tipi di cani accettati, diminuendo così le opportunità di guadagno). Si dovrebbero anche avere conoscenze pratiche di base nella cura del cane, ma una persona che già ne ha uno in casa dovrebbe avercele. E’ bene sapere cosa fare in caso di emergenze, mentre aiuta essere fisicamente in forma, così da riuscire a tenere il passo con i cani che tirano da ogni parte.

E’ importante anche dare un occhio alla legge. Nella maggior parte dei casi, non c’è bisogno di una regolamentazione in quanto il lavoro del dog sitter è saltuario e non prevede grossi emolumenti, quindi non c’è bisogno di licenze o permessi. Se però si vuole intraprendere quest’attività in maniera professionale, è bene consultare le norme legali per aprire una ditta qualsiasi.

Come si lavora

Può essere utile un’assicurazione sulla responsabilità civile per coprire eventuali danni subiti o creati dal cane che dovete trasportare, non si sa mai. Inoltre è necessario conoscere la zona che si percorrerà con i cani (che devono stare al sicuro e relativamente lontani dal traffico), le ore che si devono portare in giro, il percorso, l’eventualità di incontrare altri cani, ecc. Bisogna tener conto delle spese che si sosterranno, come la paletta ed i sacchetti per i bisognini, da mettere in conto ai padroni, e qui il consiglio è di acquistarli all’ingrosso, in modo da ottenere uno sconto.

Quando si decide di badare ad un nuovo cane, non dimenticate di chiedere al cliente eventuali indicazioni specifiche ad esempio sul carattere o lo stato di salute dell’animale, nonché il recapito telefonico del veterinario che lo segue per eventuali emergenze. Il guinzaglio e la museruola dovrebbero essere messi a disposizione dai padroni dei cani, ma può essere utile acquistare un guinzaglio multiplo, e soprattutto bisogna imparare a riconoscere quando un guinzaglio può rischiare di rompersi in modo da chiederne la sostituzione in anticipo. Considerate alcuni servizi aggiuntivi nel caso di concorrenza con altri dog sitter, come ad esempio un servizio di toelettatura o un giorno gratuito ogni 5.

Ricordatevi infine di vestirvi comodi, dovrete camminare tanto e i cani molto probabilmente vi sporcheranno, dunque utilizzate vestiti poco costosi. Ora che conoscete tutti i trucchi, non vi resta che pubblicare gli annunci e buon lavoro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>