Come fare la spaccata in modo corretto

di Valentina Cervelli 0

Come fare la spaccata in modo corretto? Senza dubbio si tratta di uno degli esercizi atletici più complessi da eseguire, ma anche tra i più ammirati dal pubblico: questo perché nello specifico è sinonimo di grande flessibilità e resistenza.

Come fare la spaccata in modo corretto

Cosa serve per allenarsi

Per quanto spesso e volentieri da piccoli si sia in grado di eseguire spaccate senza problemi, una volta adulti non sempre viene mantenuta questa capacità di stretching del proprio corpo. Si parla di una mossa estrema e non di una divaricazione semplice. Ecco quindi che per poter fare una spaccata in modo corretto c’è bisogno di ottenere una grandissima elasticità attraverso l’esercizio e un importante lavoro fisico. E’ importante comprendere che, soprattutto se si parte da zero, riuscire a fare una spaccata in poco tempo è praticamente impossibile: bisogna avere la costanza di allenarsi e di farlo nel modo giusto, sostenendo i muscoli nel lavoro che dovranno fare per riuscire ad eseguire questo esercizio.

Per riuscire ad avere la giusta elasticità per fare una spaccata vi è hai bisogno di fare esercizi di stretching intensi a cadenza regolare, aiutando il corpo ad estendersi quanto necessario. La prima cosa da fare ovviamente è esercitarsi e farlo avendo addosso degli abiti comodi ed elastici. E in particolare i pantaloni non devono essere un ostacolo all’allenamento: ecco perché bisogna optare per leggings, tute, pantaloni da yoga o short elastici. Per eseguire gli esercizi necessari sarà poi importante possedere e sfruttare un tappetino da allenamento, dei mattoni da yoga e un cuscino di supporto. È bene sempre rimanere idratati per dare il meglio: quindi è importante avere sempre a portata di mano dell’acqua o delle bevande a base di sali minerali.

Esercizi importanti da eseguire

Come fare la spaccata in modo corretto

Per imparare a fare la spaccata vi è prima bisogno di eseguire un giusto riscaldamento: per questa ragione è bene dedicare almeno cinque o dieci minuti alla corsa leggera o ai salti aerobici per riscaldare i muscoli e aumentare in questo modo anche la frequenza cardiaca. Affondi e squat saranno altrettanto utili per allungare i muscoli delle gambe e prepararli ad eseguire la spaccata. Fatto questo bisognerà eseguire degli allungamenti a farfalla che saranno utili per sciogliere i muscoli flessori dell’anca. E’ importante  in tal senso muoversi sempre molto lentamente per evitare infortuni e poi procedere con degli allungamenti con un affondo basso.

Detto ciò bisognerà pian piano abituare il proprio corpo, proprio grazie agli esercizi sopracitati, ad eseguire degli allungamenti a gambe larghe, sedendosi a terra senza piegare le ginocchia: sarà necessario tenere le gambe ben distese, prendere i respiri profondi e allungarsi il più possibile in modo tale che le caviglie e possono scivolare con facilità sul tappeto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>