Come rispondere ad un’offerta di lavoro

di Gianni Puglisi 0

Come rispondere ad un'offerta di lavoro

Sicuramente il compito più arduo è quello di trovare il lavoro. Le ricerche sono tante e spesso ci si imbatte in vere e proprie truffe. Eppure ogni tanto capita di azzeccare l’offerta giusta. Il lavoro che viene offerto vi piace, è ben pagato e avete i requisiti giusti. Questi tre motivi possono spingervi a rispondere d’impulso all’offerta, facendovi commettere degli errori. Per questo è importante rispondere correttamente. Continuate a leggere per scoprire come rispondere ad un’offerta di lavoro.

Fase 1: Raccogliere informazioni riguardanti l’offerta. Prima di lanciarvi in un’impresa che vi può sembrare molto allettante, informatevi sull’azienda, specialmente se l’offerta l’avete trovata su internet. Vedete se qualcuno dei vostri conoscenti ne sa qualcosa di più, cercate in rete, e così via. Conoscere anche le condizioni di lavoro, la paga ed altre informazioni simili è un’operazione da effettuare prima di rispondere.

Fase 2: Fare un elenco dei vantaggi e degli svantaggi del lavoro. Disegnate due colonne e annotate su ogni colonna i punti positivi e negativi che derivano dall’accettare quel lavoro. Le cose che si dovrebbero prendere in considerazione sono lo stipendio, benefici ai dipendenti, la posizione e la distanza dalla residenza al luogo di lavoro.

Fase 3: Rispondere il prima possibile. Una volta che avete deciso se ne vale la pena o no, potete rispondere. La regola fondamentale da seguire in questi casi è di assicurarsi di rispondere immediatamente all’offerta, perché se attendete troppo c’è il rischio che qualcun’altro vi soffi il posto. Ma attenzione, se la risposta può essere inviata con un’email o una telefonata, potete prendervi uno o due giorni al massimo per rifletterci, se invece dovete inviare una lettera formale, cercate di prendere una decisione in poche ore in quanto la lettera impiegherà dei giorni per arrivare.

Fase 4: Lettera/e-mail di risposta. Cominciare la lettera o email con un ringraziamento all’azienda (se il lavoro vi è stato offerto personalmente), o esprimete il vostro apprezzamento per l’opportunità che l’azienda offre, se rispondete ad un annuncio generico. Rendere il vostro desiderio esplicito a questo punto di accettare il lavoro, spiegandone i motivi. Prendete atto che le motivazioni devono essere valide e giustificabili. Spiegate cosa potete dare voi all’azienda che vi assume e perché dovrebbe puntare su di voi. Se date validi motivi, avrete buone possibilità che la compagnia possa prendevi in considerazione.

Fase 5: Siate gentili e amichevoli. Se avete i requisiti per il lavoro, non date per scontato che vi assumano e non assumete un atteggiamento troppo altezzoso o arrogante. Cercate invece di mantenere un atteggiamento deferente e positivo.

Fase 6: Chiedere una descrizione dettagliata del lavoro. A questo punto, dopo esservi presentati, è il caso di conoscere con precisione i dettagli del lavoro. Ad esempio il numero di ore di lavoro, il salario, i benefici e quant’altro possa interessarvi.

Fase 7: Rileggere la risposta. Prima di inviare la risposta, rileggetela, oltre che per trovare eventuali errori, anche per accertarvi che il linguaggio che avete usato sia stato professionale e adeguato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>