Come preparare un perfetto barbecue americano

di Valentina Cervelli Commenta

Come preparare un perfetto barbecue americano? L’ispirazione data dalle innumerevoli trasmissioni televisive sul tema e la bella stagione gettano perlomeno le basi di un tentativo. Vediamo insieme cosa fare e come regolarci mentre lo facciamo.

La prima cosa da comprendere: la cottura deve essere lenta. Qui di parla di 2-12 ore a seconda del tipo di carne da consumare. E’ questa lentezza che approfitta dell’affumicatura a far creare quella crosticina che tanto attira del barbecue americano quando se ne vedono immagini.  Bisogna abbandonare il concetto di grigliata e passare a quello di barbecue e quindi puntare ai grandi tagli. Utilizzando i termini originali, bisogna scegliere di ottenere ottime ribs (costine intere), pulled pork (straccetti di spalla di maiale), brisket (taglio composto da fiocco e la punta). Mai mettere sulla griglia della carne congelata o troppo fredda: la temperatura ambiente è amica di un risultato perfetto dal punto di vista organolettico.

Abbiamo prima citato l’affumicatura: essa è basilare per ottenere un barbecue gustoso, soprattutto se si hanno gli strumenti giusti. Anche la legna quindi deve essere scelta con giudizio: la consigliata sono i pezzi di botte, il noce americano e il Pecan. E se la temperatura è importante, lo è altrettanto il marinare la carne prima, di qualsiasi tipo essa sia: non dite quindi di no a marinature liquide o secche che possano insaporirla in modo perfetto per la cottura al barbecue.

Per ottenere un autentico barbecue americano servono quindi pazienza, spezie ed il giusto tipo di legno. La carne ed il fuoco, con la vostra supervisione, faranno il resto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>