Come scegliere i cockail di Natale

di Valentina Cervelli 0

Come scegliere i cocktail di Natale? E’ vero: di solito queste feste si passano in famiglia, ma questo non significa eliminare dal menu delle serate un po’ di divertimento, alcolico o analcolico che sia. Vediamo come regolarci in tal senso.

Come scegliere i cockail di Natale

Senza dubbio bisogna prima accertarsi se vi sia qualcuno allergico a qualche componente delle bevande o ai vari distillati stessi: non si può rischiare di rovinare la serata o far del male a qualcuno per mancanza di attenzione.  Fatto ciò bisogna prima pensare ai cocktail di natale che possano andar bene per tutti quanti, bambini compresi: ecco quindi che una buona scorta di bevande analcoliche deve essere messa a punto unendo al tutto cocktail al kiwi e alla mela e melagrana per dare anche ai più piccoli l’impressione di brindare con gli adulti grazie all’imitazione che gli stessi fanno rispettivamente del classico cocktail di natale e del “Grinch“, il cui originale è a base di vodka alla pesca e succo di arancia ed altri buonissimi ingredienti.

Spazio all’eggnog, a base di uovo e whisky tipico dei paesi anglosassoni ed imitato in modo corretto dal Vov nostrano, ed ancora a qualsiasi combinazione a base di vodka, rum, crema di whisky e limoncello. O ancora al White Russian che con il suo apporti di panna e dolcezza è in grado di scaldare i cuori e non solo. E’ consigliabile, per una festa come quella di Natale puntare sulla dolcezza e lasciare la maggior parte dei cocktail secchi lontani dalle opzioni da mettere a disposizione.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>