Come combattere i dolori mestruali

di Valentina Cervelli Commenta

Come combattere i dolori mestruali? Quando il ciclo è accompagnato da crampi addominali, spesso per le donne diventa difficile portare avanti i compiti della giornata. Vediamo insieme come affrontarli al fine di eliminare il dolore e vivere una giornata “normale”.

I dolori mestruali spesso sono accompagnati da senso di gonfiore e pesantezza, mal di schiena e di gambe, nausea, mal di testa, diarrea e tutta una serie di sintomi legati alla zona addominale. Essi sono molto intensi nei primi giorni di ciclo e di solito vanno via via scemando con la durata della mestruazione. Per combattere tale malessere uno dei metodi più utilizzati è quello dell’ingerimento di antidolorifici. Essi sono in grado di agire sia sulla sensazione di dolore, sia a livello “ormonale” agendo sulle prostaglandine e favorendo una più facile espulsione del sangue e di eventuali coaguli.

Ma quali sono le alternative se non si vuole sfruttare la chimica? Per prima cosa vi sono delle posizioni del corpo che possono aiutare a combattere il dolore: stare a pancia in su o a quattro zampe tenendo allineate bene spalle e ginocchia respirando profondamente. Questi esercizi, fatti nel momento in cui si sperimentano più crampi aiutano a dare sollievo. Ci si può aiutare anche con il cibo: tanta frutta e verdura ed il consumo di zenzero, semi di lino e di finocchio e chiodi di garofano in polvere possono quasi funzionare in alcuni casi come antidolorifici naturali.

L’azione più forte in tal senso è senza dubbio riservata al magnesio: esso attenua la produzione di prostraglandine e quindi fa diminuire i crampi. Esso è contenuto nel riso e nel pane integrale, nell’avena, nei fagioli e nelle noci. In caso di bisogno può essere assunto sotto forma di integratore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>