Come imparare ad essere puntuali?

di Valentina Cervelli Commenta

Come imparare ad essere puntuali? C’è chi dice che il ritardo lo ha nel sangue: la verità è che per essere sempre in tempo per appuntamenti o qualsiasi attività prestabilita vi è bisogno di un pizzico di impegno e di qualcosa che aiuti a ricordare la propria “programmazione” giornaliera.

I tempi in cui viviamo solo frenetici, il multitasking la fa da padrone in ogni campo della propria vita e spesso e volentieri non si ha tempo nemmeno di tirare il fiato: ciò non significa che ci si possa concedere di non essere puntuali o non rispettare le tempistiche di un impegno preso. Possedere questa caratteristica non consente solo di fare una buona impressione ma dà modo di organizzarsi al meglio anche nel caso dovessero presentarsi imprevisti.

Come imparare ad essere puntuali? Per prima cosa sforzandosi di esserlo: lavorare sul proprio approccio alle cose è fondamentale. Bisogna imparare a non rimandare ed a dare la giusta importanza ad ogni cosa. Dopodiché diventa importante aiutarsi. La sveglia diventa la migliore arma a favore di coloro che non riescono a non essere in ritardo. Se il problema è il ricordare una telefonata da fare o una email da inviare, di solito è sufficiente un reminder dato tramite un allarme.

Se il problema consta proprio nell’atto di farsi trovare pronti per specifiche attività il consiglio è quello di sistemare la propria sveglia almeno mezzora prima del momento in cui si ha bisogno di iniziare a prepararsi: questo consente di avere più tempo da sfruttare e di riuscire ad essere “in tempo” qualsiasi cosa si abbia da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>