Come proteggersi dall’ozono di estate

di Valentina Cervelli Commenta

Come proteggersi dall’ozono d’estate? Il limite da non superare è fissato a 120 microgrammi per metro cubo: una quantità che non di rado quando fa più caldo viene superata. Cosa possiamo fare per proteggerci dalla crescita di questo gas nell’aria?

Va purtroppo sottolineato che il livello nelle città può salire fino a superare quella che viene definita la soglia di informazione fissata a 180 microgrammi e avvicinarsi pericolosamente a quella di allarme posta a 240 microgrammi.  Quando si parla di dover combattere lo smog, una delle motivazioni è data proprio dall’alzarsi dei livelli di questo elemento: l’inquinamento che provoca può avere serie ripercussioni sulla salute di anziani, donne incinte e bambini provocando tra le altre cose crisi asmatiche, malattie respiratorie, mal di testa, irritazioni cutanee.

Ecco alcuni consigli per potersi “difendere”. La prima cosa è regolare la propria alimentazione: una corretta dieta basata su alimenti con proprietà antiossidanti come: verdure fresche, pomodori, prezzemolo, limoni, kiwi, ribes, fragole, albicocche è perfetta per aiutare l’organismo a gestire gli effetti dell’ozono sul corpo. Ma anche noci, nocciole, avocado ricchi di vitamina E o di selenio come pollo, tonno, molluschi, cavoli e cereali possono aiutare.

Si dovrebbe inoltre evitare il più possibile di usare attrezzi o dispositivi che funzionano a benzina ed evitare l’uso di solventi e di prodotti che potrebbero immetterne altre quantità nell’aria: è altresì consigliato svolgere le attività sportive o i lavori pesanti nelle ore più fresche e soprattutto, in caso di sintomatologia persistente relativa alla possibile intossicazione da questo gas, rivolgersi al medico.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>